Poesie d’amore di Shakespeare: analisi del sonetto 18

943
poesie amore shakespeare

Sonetto 18, analisi della 1a quartina

Il sonetto 18 è il più famoso tra le poesie d’amore di Shakespeare. Nella storia dei sonetti di Shakespeare, il personaggio principale indirizza questo messaggio alla bella giovinezza, con la quale condivide un amore speciale. Se l’amore è platonico o sessuale, è stato dibattuto nel corso degli anni. Tuttavia la natura romantica e amorevole di questo sonetto non può essere discussa.

Lo scrittore inizia chiedendo, devo paragonarti a un giorno d’estate? Ovviamente, sta paragonando la bellezza, la gioventù e la vitalità della bella giovinezza a quella di un giorno d’estate. Lo scrittore dice anche che il bel giovane è più amabile e più mite di un giorno d’estate. Probabilmente, lo dice perché il bel giovane è più calmo e gentile.

Ma le ultime due righe di questa quartina dicono che l’estate è troppo breve, e iniziano a mettere in dubbio il bell’aspetto dei giovani biondi che non dura per sempre.

Poesie d’amore di Shakespeare: seconda quartina

In questa quartina, pensieri negativi e preoccupazioni iniziano a riempire la testa dello scrittore. Comincia portando avanti con i suoi pensieri che l’estate dura molto poco. Puoi percepire uno stato d’animo piuttosto pensieroso e dubbioso mentre parla dell’estate che è troppo calda, e altre volte è troppo fredda – i brutti estremi dell’estate.

Quindi, anche se il bel giovane è adorabile, a volte può anche essere arrabbiato, e può anche essere duro. Quindi inizia a mettere in discussione la natura, “…ogni fiera dalla bella a volte declina” – anche le cose belle, come può essere la giovinezza, perdono la loro bellezza per il “cambio di corso della natura”.

Poesie d’amore di Shakespeare: terza quartina

Un nuovo senso di vigore sembra aver colto lo scrittore all’inizio di questa quartina. Come dice con fermezza, “la tua eterna estate non svanirà”. In sostanza, afferma che la bellezza e la vitalità dei bei giovani non svaniscono. Dice che non perdi la tua giovinezza, né la bellezza che possiedi, e la morte non ti reclamerà per sé.

Lo scrittore asserisce che la bellezza interiore della bella giovinezza non svanisce, e c’è certamente un elemento in ciò che dice con queste parole poetiche. Inoltre, lo scrittore sta conferma con le parole “con linee eterne” che la bella giovinezza è immortalata nelle parole di questo sonetto.

Distico finale in rima

L’ultimo distico in rima di qualsiasi sonetto shakespeariano, rafforza l’affermazione precedente dello scrittore. Finché ci sono persone su questa terra che leggono tali parole, lo spirito e la bellezza dei bei giovani possono continuare a vivere in questa poesia.

Se vuoi saperne di più sulle poesie d’amore di Shakespeare, o addirittura su tutto ciò che ha a che fare con il romanticismo e Shakespeare, devi assolutamente cercare di leggerle. Le poesie di Shakespeare sono talmente belle ed emozionanti che non puoi innamorarti di loro.

Se poi vuoi considerare altre recensioni libri, di altri autori, puoi andare su Volandosuilibri.it!